CAPE TOWN

1 Novembre 2010

eccomi qua, sono dall’altra parte del mondo, a cape town, per lavorare.

come sempre è un po’ strano partire, stare per un certo periodo di tempo lontano dai propri spazi, dalle proprie abitudini…ed è ancora più strano se questo spazio e questo tempo si passa stravolgendo (come qui succede) le stagioni: sono in piena primavera.

nel bel libro di andrea de carlo che sto leggendo in questi giorni (LEIELUI) ci sono alcune pagine dedicate al viaggiare e agli aerei, con una interpretazione della parola “decollare” molto interessante, direi pure geniale: quando si parte si decolla, nel suo significato più tradizionale ma è anche un po’ come si staccasse la testa dal corpo, strappando via il collo, de-collare, per l’appunto…

mi trovo in un albergo, o meglio, in una guest house, con pochissime stanze, molto carina. è nel pieno centro del quartiere gay, tenuta e gestita da una coppia gay, tipo vizietto: si sta molto bene.

in stanza ho affianco al letto una vasca da bagno a vista con i piedini: ogni sera mi faccio un bel bagno caldo, con tanto di sali dentro l’acqua bollente. frammenti, dettagli. ciuffi di lavanda sui tavolini della colazione. pale che girano sul soffitto.

essere sospeso.

” Al centro del vuoto
c’è un’altra festa ”
– Roberto Juarroz

==========================================================

non sono mai stato un fotografo che si porta la macchina fotografica in giro, non so neanche bene io perchè, direi per pigrizia. da quando però c’è l’iphone faccio un sacco di fotine. mi piace soprattutto fotografare oggetti e paesaggi: soprattutto questi ultimi, nei bei posti dove vado, sono spesso straordinari.

qui sotto ecco una fotina fatta in questi giorni con il mio iphone. raramente dò informazioni tecniche, questa volta diamole: l’ho scattata con iphone 4 con hdr disattivato. ho fatto quattro scatti in successione, poi uniti tramite il software AUTOSTITCH. a quel punto ho aperto il file con PHOTO FX e l’ho modificato (special FX-B/W looks-drammatic). poi l’ho aperto con PHOTOGENE per dare una maschera di contrasto, per ravanare i livelli e per aggiungere un bordino nero.

I correlati

new photos

12 Maggio 2003

"in the american west", a new fashion editorial, done thinking at John Steinbeck...

SPAZIO SEI ADV

1 Aprile 2012

[it]le mie campagne pubblicitarie per la prossima estate realizzate per il gruppo SPAZIO SEI, leader con i suoi brand nel mercato[...]