LA BELLEZZA

24 Giugno 2015

esodo1

esodo2

esodo4

 

 

L’amico Riccardo mi ha chiesto di scrivere un testo per la rivista ESODO, una meritevole pubblicazione realizzata da preti operai.

Il testo avrebbe dovuto rispondere alla domanda: che cosa è la bellezza per un fotografo? Esiste un criterio oggettivo tramite il quale un fotografo può illustrare la bellezza?

Questo il testo con la mia risposta:

 

Strano a dirsi ma per me (fotografo di moda, e quindi di Bellezza) la bellezza non rappresenta un valore assoluto.

Io non sono interessato alla bellezza in sé, dato che non penso che l’ambizione ad essere belli sia un valore.

Anche perché l’essere belli, nella cultura contemporanea, corrisponde all’essere diversi da ciò che si è, aderendo a canoni che sono prestabiliti e a noi esterni: essere belli corrisponde sempre a un supposto miglioramento, smettendo quindi di essere ciò che si è, per essere qualcos’altro.

Basti pensare, ad esempio, alla moda, dove l’accettazione di una bellezza condivisa passa inevitabilmente dall’aderire a un qualcosa che, per sua propria intrinseca caratteristica, non ci appartiene. Estremizzando questo concetto pensate all’ipotesi di andare in un contesto sociale completamente diverso dal nostro (nel tempo o nello spazio): per essere considerati belli, in quel contesto, dovremmo rinunciare sicuramente ad una nostra bellezza per aderire a una convenzione di bellezza che adesso ci parrebbe senza dubbio assurda.

Non a caso sono fortemente dicotomici la moda e l’eleganza: la prima basata su princìpi effimeri e passeggeri, la seconda sulla capacità di scegliere (eleganza, da eligere=scegliere) in base a ciò che una persona è, non a ciò che vuole diventare.

Ecco, in questo senso la bellezza non mi interessa.

Ma è innegabile una grande verità, che etica ed estetica, siano indissolubilmente legate.

Wittgenstein afferma che «Etica ed estetica sono tutt’uno» e John Ruskin dice «Senza dubbio il dono artistico e la bontà sono due cose distinte; un uomo buono non è per forza un pittore, e una visione da colorista non implica valore morale. Ma la grande arte attesta l’unione di questi due poteri: essa non è che l’espressione, grazie a un temperamento dotato, di un’anima pura.Se non c’è talento, non c’è arte, e se non c’è anima retta, l’arte è inferiore, per quanto abile».

Non c’è dubbio alcuno che in natura tutto ciò che è utile sia anche bello, o forse, meglio, ciò che è bello racconta di sé che è sicuramente utile: ho sempre pensato che le cose che ci repellono, anche in senso estetico, siano tali affinché ci sia chiaro che quelle cose non possono esserci utili, o addirittura dannose.

Mi viene spesso da pensare che l’atto del concepimento sia stato reso dalla natura come un momento di intenso piacere e godimento affinchè l’atto della procreazione, così importante per gli esseri viventi, fosse favorito: se mai fosse vissuto nella sofferenza e nel dolore, forse il mondo non sarebbe popolato così come lo vediamo…

In fondo, quindi, la Bellezza non è da esecrare: non lo è quando riesce a fondersi con l’utilità della sua esistenza.

Se la Bellezza serve a qualcosa, se è utile, se ha un fine allora diventa meravigliosa, fantastica ed emozionante. Altrimenti, quando è inutile, fine a sé stessa e sterile diventa, inevitabilmente, noiosa e volgare.

I correlati

BENEDUSI.IT

21 Settembre 2010

[it]il mio sito viene spesso aggiornato e aggiustato. nuova la home page, con filmatino di saluto e una frasina che[...]

FERRARI ADV

19 Settembre 2011

[it]con la creatività dell'art director andrea bandiera dell'agenzia robilant ecco la nuova campagna internazionale dello spumante ferrari della famiglia lunelli.[...]