QUESTIONARIO MAX

23 Febbraio 2012

dopo più di due anni di MAX CASTING e 122 (!) modelle fotografate ed intervistate è venuto il momento anche per me di rispondere al questionario che è stato a loro sottoposto:

il tratto principale del mio carattere: sono un gemelli, e come tale sono indiscutibilmente doppio. mi sento quindi un pigro/iperattivo. un colto/ignorante. un simpatico/rompicoglioni. un noioso/molto divertente.

la qualità che desidero in un uomo: intelligenza e senso dell’umorismo

la qualità che preferisco in una donna: intelligenza e senso dell’umorismo

quel che apprezzo di più nei miei amici: che ci siano

il mio principale difetto:sono uno stronzo

la mia occupazione preferita: mi piace dormire dopo aver fatto una grande fatica, ed addormentarmi lentamente leggendo un libro o guardando un film

il mio sogno di felicità: “tre film al giorno, tre libri alla settimana, dei dischi di grande musica faranno la mia felicità fino alla mia morte” truffaut

quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia: non arrivare alla fine di questo questionario schiantando prima sarebbe già una bella sfiga, ma se leggerete questo post vuol dire che ciò non è successo

quel che vorrei essere: vorrei essere un fotografo che da una piccola città di provincia è andato nella metropoli inseguendo un sogno che poi si è realizzato… ops! (“l’oggi è un regalo, ed è per questo che si chiama presente” vinicio capossela)

il paese dove vorrei vivere: in quello che ho scelto

il colore che preferisco: mi piace il blu/nero del quadrante degli IWC

il fiore che amo: per l’estetica la calla, per il profumo il lilium (che deve essere bianco per profumare)

i miei autori preferiti in prosa: e come faccio adesso a scegliere?!? impossibile! vado allora su quelli della formazione: john steinbeck (tutti i libri!), per il realismo “fotografico”; jean-paul sartre (la nausea, il muro!) per l’introspezione filosofico esistenziale, italo calvino (il visconte dimezzato!) per la magia

i miei musicisti preferiti: e caspita! ho appena dovuto fare uno sforzo non indifferente con gli scrittori, per limitarmi solo a tre e adesso pure la musica! come faccio?!?! è impossibile!!! andiamo anche qui con quelli della formazione: genesis, pink floyd, fabrizio de andrè

i miei pittori preferiti: di nuovo!!! ma chi è il sadico che ha realizzato questo questionario?!?!? un pittore che mi è sempre piaciuto è cagnaccio di san pietro, in particolar modo per un quadro che mi ha sempre fatto impazzire “dopo l’orgia”, dove per una volta (quando di una fotografia che è bella si dice che sembra un quadro) si può ben dire che è un quadro talmente bello che sembra una fotografia. aggiungerei però anche caravaggio, andrea pazienza, diane arbus (un fotografo lo posso inserire, no?!? e voglio inserire diane arbus…)

i miei eroi: “beato il paese che non ha bisogno di eroi” bertolt  brecht. io mi porto avanti: non ho eroi

quel che detesto più di tutto: l’ignoranza, perché al contrario di altre spiacevolezze si può, se si vuole, eliminare

i personaggi storici che disprezzo di più: quante risate alle (tantissime!) modelle che a questa risposta hanno risposto HITLER. ma perchè?!? è una risposta talmente generica ed inutile che non è una risposta! non una che abbia risposto, che ne so…POL POT! adesso è meno sanguinario pol pot di hitler o io non so un bel nulla di storia?!? diciamo allora che io cerco di dare un minimo di bilanciamento e risponderò, con tutto il fiato che ho in corpo: POL POT!!!

il dono di natura che vorrei avere: quello che vorrei avere già lo possiedo!

come vorrei morire: “la cosa più ingiusta della vita è come finisce. voglio dire: la vita è dura e impiega la maggior parte del nostro tempo… cosa ottieni alla fine? la morte. che significa! che cos’è la morte? una specie di bonus per aver vissuto? credo che il ciclo vitale dovrebbe essere del tutto rovesciato.bisognerebbe iniziare morendo, così ci si leva il pensiero.poi, in un ospizio dal quale si viene buttati fuori perché troppo giovani.ti danno una gratifica e quindi cominci a lavorare per quarant’anni, fino a che sarai sufficientemente giovane per goderti la pensione. seguono feste, alcool, erba e il liceo. finalmente cominciano le elementari, diventi bambino, giochi e non hai responsabilità, diventi un neonato, ritorni nel ventre di tua madre, passi i tuoi ultimi nove mesi galleggiando e finisci il tutto con un bell’orgasmo!” woody allen

stato attuale del mio animo: felice! ho quasi finito ‘sto questionario dentro al quale mi sono impelagato!

le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza: quelle grosse. più sono grosse più sono indulgente. se uno rapina ci sarà una profonda ragione per rapinare. e se uccide la ragione sarà ancora più grande. ma che ragione c’è a buttare una carta per terra?

il mio motto: anche l’orologio fermo segna l’ora esatta due volte al giorno

I correlati

mura spagnole milano 10

17 Gennaio 2009

[it][/it]