TRADUTTORE CLIENTE-FOTOGRAFO


5 Febbraio 2014

Lo dico spesso, il rapporto fotografo/cliente (e cioè, ricordiamolo, con colui che tira fuori dei soldi per una fotografia, anche se, di questi tempi le parole soldi/fotografia possano sembrare un ossimoro) è un rapporto particolare, spesso simile a quello che c’è tra un uomo e una donna che si corteggiano.
L’uomo è il fotografo, il cliente è la donna.
È abbastanza uno stereotipo (stronzo ma vero come tutti gli stereotipi) il fatto che le frasi di una donna, soprattutto nel corteggiamento, abbiano bisogno di una traduzione.
Ad esempio:
No=Sì
Non ho niente!=Sono incazzata nera
Fai pure!=Se lo fai ti uccido
Ti odio=Ti amo

e così via…

In quest’ottica ho compilato un piccolo traduttore riferito ad un momento molto preciso del rapporto tra cliente e fotografo, e cioè il momento in cui il servizio viene consegnato e il cliente esprime un giudizio.
(vorrei approfittare per chiarire che il cliente è colui che tira fuori dei soldi in cambio di una fotografia: per essere chiari Lui fa un bonifico di denaro in valuta corrente e tu fotografo gli dai un servizio fotografico. Ancora non avete capito? Certo, di questi tempi che tutti si sentono photographer lavorando gratis è un concetto difficilissimo da comprendere, ci riprovo semplificando: tu dare me soldi io dare a te foto. Chiaro? Ancora no?!? E va be’…)

Allora, ecco il traduttore del giudizio di un servizio fotografico da parte di un cliente (per definizione cliente vedi sopra):

Bello: gli fa cagare
Veramente bellissimo: a qualcuno che passava di lì, ma di cui non ha stima, ha gradito, ma a lui gli fa cagare.
Lavoro pazzesco bellissimo, il più bello mai visto: preoccupatevi, è probabile che quel cliente abbia giá in mente un altro fotografo e quello sará il vostro ultimo lavoro.
Non mi è piaciuto: gli è piaciuto ma o non vuole pagare o vuole uno sconto o spera nel prossimo giro di pagare meno.
Nessun commento: gli è piaciuto e farete ancora il lavoro.

Un consiglio, su questo argomento: una volta consegnato un lavoro MAI chiamare il cliente e domandargli se il lavoro gli sia piaciuto. Mai!

I correlati

GUARDAMI NEGLI OCCHI

23 Dicembre 2014

Ieri è uscita la mia pagina di Natale sul Corriere della Sera, dove vengo lasciato libero di raccontare come meglio[...]

IMPERIA #03

12 Marzo 2015

  Dopo il mio primo intervento sulla mia città natale, dopo il secondo, eccoci al terzo, stimolato da una simpatica[...]