berlin #02


20 Giugno 2007

è proprio vero che, come dice shakespeare per voce di amleto che “ci sono più cose in cielo e in terra, orazio, di quante ne sogni la tua filosofia”.
in questa mia permanenza per fare foto a berlino ho visto tante cose, belle architetture, buoni ristoranti, insomma tutte quelle cose che è prevedibile che avrei visto in germania.
c’è però sempre una scheggia impazzita, una nota distonica, un evento, anche per poco, imprevedibile, che fa in maniera tale che la realtà mostri le proprie pieghe nascoste.
a me è successo semplicemente prendendo un taxi.
uno chiama un taxi in germania e si aspetta che arrivi il classico taxista tedesco: con mercedes color vomito, il capello corto davanti e lungo dietro e la maglia di qualche squadra di calcio.
quello che è arrivato a noi è stato sorprendente. voglio dire, io di taxi nel mondo ne ho presi, dal marocco alla malesia, dalla tailandia all’africa.
ma un taxi così incasinato, sporco, disordinato e sconclusionato come quello che ho preso a berlino in germania non l’ho proprio mai preso.
qui sopra una fotina del cruscotto.
il mondo è proprio bello perchè è vario…

I correlati

STEFANO MORTARI ADV

27 Settembre 2016

Quando vengo definito "fotografo di moda" vivo questa definizione con un certo imbarazzo. Per un semplice motivo: non mi sento[...]

mura spagnole milano 56

17 Gennaio 2009

[it][/it]