varie


4 Luglio 2006

-mi è stato consigliato di prendere della papaya, come ricostituente.
vedrai, funzionerà-mi è stato detto-è la stessa che prese il papa.
in effetti funziona; sento una gran voglia di benedire.
-non esistono fatti, solo opinioni.
-ricordarsi di costruire un’altalena da muro.
-odio la gente, amo le persone.
-quello che faccio non è fondamentale, ma è indispensabile che lo faccia io.
-chi si lamenta di una cosa è quello che quella cosa la provoca: solo chi è in mezzo al traffico dice “cazzo che traffico c’è oggi”, se fosse in mezzo al mare su una barca certo non si lamenterebbe delle troppe macchine.
-i topi non avevano nipoti. -provate a leggerlo al contrario-
-la speranza, la certezza, la possibilità di diventare fiume senza prima aver fatto il corso d’acqua.
-trovo maggiore comprensione per le colpe gravi che per quelle leggere: se uno fa una rapina avrà tanto bisogno di soldi e si mette pure in grave rischio. ma se uno butta una carta per terra è solo un grande stronzo. dieci anni a chi butta le carte per terra ed assoluzione per chi commette stupri e rapine…
-la vita è sporca, per conoscerla è necessario sporcarsi le mani.
-tutto e l’opposto di tutto. tutto è l’opposto di tutto.
-non faccio beneficenza. non è ne più vero ne’ meno vero di quelli che la fanno dicendolo, ma almeno è più sincero
-non è che tu mi piaci, è che mi piaccio io quando sono con te.
-scrivere sullo specchio in bagno: prima di parlare, rifletti!
-fare una maglietta con sopra scritto al contrario: “ti guardi troppo allo specchio!”
-di quel tale che era talmente cattivo da odiare persino le piante, la lattuga, i peperoni, i pomodori…e quindi era violentemente vegetariano.
-e per concludere con cage: “non ho nulla da dire, e lo sto dicendo…”

I correlati

TU CHIAMALE SE VUOI…EMOZIONI

22 Marzo 2010

[it] prendo lo spunto dal testo di mogol per battisti per scrivere due righe su una parolina che viene usata[...]

hong kong 01

25 Novembre 2004

eccomi qui, sono ad hong kong. sono le 11 di sera, li' da voi le 4 del pomeriggio, quindi io[...]